Relazioni industriali

Il Gruppo Piaggio riconosce il ruolo delle Organizzazioni Sindacali e delle rappresentanze dei lavoratori e conferma la volontà di realizzare con esse un rapporto improntato all’attenzione, al dialogo ed alla ricerca dell’intesa; la verifica ed il continuo confronto sono infatti ritenuti elementi fondamentali per far emergere le migliori soluzioni rispetto alle specifiche esigenze aziendali.

La Politica di Relazioni Industriali del Gruppo Piaggio si basa, pertanto, sul coinvolgimento dei lavoratori e delle loro rappresentanze nel perseguimento degli obiettivi aziendali ed è improntata al continuo dialogo ed alla partecipazione. Le soluzioni e i comportamenti adottati nei diversi Paesi in cui il Gruppo opera si muovono in sintonia con il contesto sociale ed istituzionale, ma sempre coerenti con i principi di fondo e le esigenze complessive del Gruppo.

Italia

Nel corso del 2015 il dialogo ed il confronto con le Organizzazioni Sindacali e con le rappresentanze dei lavoratori sono proseguiti con l’obiettivo di cercare soluzioni condivise per rispondere alla situazione di crisi del mercato e per gestire le conseguenze sui lavoratori. La negoziazione collettiva ha consentito di individuare strumenti gestionali condivisi, adeguati ad affrontare la crisi di lungo periodo del settore salvaguardando le competenze presenti in Azienda, evitandone dunque la dispersione e favorendone il riutilizzo.

Per quanto riguarda il sito di Pontedera, che si conferma come centro di eccellenza nell’innovazione, ricerca e progettazione e nella produzione di veicoli e motori, con accordo sindacale sottoscritto a febbraio 2015 è stato prorogato il Contratto di Solidarietà da febbraio a novembre 2015 e, con ulteriore accordo siglato a ottobre 2015, la proroga è stata estesa fino a novembre 2016.
Nel mese di febbraio 2015, inoltre, è stata attivata una procedura di mobilità per n. 150 unità al fine di attuare una razionalizzazione delle attività di staff e riequilibrare strutturalmente gli organici produttivi.

Per la sede di Noale si è proseguito nella razionalizzazione delle attività di staff e nel ridimensionamento degli organici complessivi attraverso una nuova procedura di mobilità per n. 20 unità. Inoltre, si è fatto ricorso alla Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria a seguito dell’inaspettato calo di volumi di lavoro registrato nel corso del 2015.
Per quanto riguarda lo stabilimento di Scorzè, l’accordo sindacale siglato a gennaio 2015 ha confermato l’importanza del sito produttivo stesso; tenuto conto, d’altra parte, della costante flessione degli ordini e della conseguente contrazione dei programmi produttivi, era stata raggiunta a dicembre 2014 un’intesa sindacale per il ricorso al Contratto di Solidarietà applicato a tutti i dipendenti della sede, con decorrenza da febbraio 2015 a gennaio 2016; con accordo sindacale sottoscritto a dicembre 2015 la durata dell’accordo è stata ulteriormente prorogata fino a gennaio 2017.

Per quanto riguarda, invece, il sito produttivo di Mandello del Lario, nel 2015 si è confermato un trend di crescita dei volumi delle vendite; in accordo con le Organizzazioni Sindacali si è fatto fronte alla salita produttiva con il ricorso a contratti di somministrazione a termine ed alla flessibilità oraria settimanale.

Riportiamo di seguito la tabella riepilogativa dell’iscrizione alle diverse organizzazioni sindacali nelle sedi italiane (2013 – 2015):

senza-titolo-17.jpg

Per quanto riguarda il fenomeno della conflittualità aziendale, il trend degli scioperi nel 2015 ha evidenziato un netto calo del numero di ore perse a tale titolo; in particolare, non si sono registrati nell’anno eventi a livello generale/di categoria (ad eccezione di un unico evento verificatosi a Mandello del Lario per un totale di 144 ore), mentre a livello di microconflittualità aziendale il numero delle ore perse si è ridotto di oltre il 57% rispetto al 2014, registrando in assoluto un valore molto basso.
Tutti gli eventi di microconflittualità aziendale risultano concentrati nella sede di Pontedera.

Di seguito la tabella riepilogativa delle ore perse per sciopero nel 2014 e nel 2015 nelle diverse sedi aziendali, con focus sul fenomeno della microconflittualità:

senza-titolo-18jpg.jpg

A livello italiano è presente altresì un articolato quadro di valorizzazione del welfare aziendale, con un sistema di prestazioni finalizzate ad incrementare il benessere individuale e familiare dei dipendenti sotto il profilo economico e sociale. In particolare, per i dipendenti di Pontedera sono stati istituiti:

  • un piano di assistenza sanitaria integrativa con possibilità di estensione al nucleo familiare con contributo a carico del dipendente;
  • una convenzione per il sostegno all’infanzia tra la Società e l’Unione Comuni della Valdera.

In generale, comunque, un accordo sindacale nazionale ha istituito, dalla fine del 2011, un fondo di assistenza sanitaria integrativa (Metasalute) per il comparto metalmeccanico cui l’Azienda ha provveduto a versare la quota di finanziamento già a partire dal 2012. L’adesione al piano è su base volontaria ed è diventata operativa nel 2013.

Sono inoltre presenti delle agevolazioni/servizi legate alla salute dei dipendenti:

  • a Pontedera, presso il Centro medico aziendale, sono a disposizione dei dipendenti medici specialisti (oculista, ortopedico, pneumologo, dermatologo, otorinolaringoiatra) per l’effettuazione di visite specialistiche in orario di lavoro;
  • a Noale/Scorzè e Mandello del Lario sono previsti per tutti i dipendenti dei permessi retribuiti per visite specialistiche esterne all’Azienda e per analisi cliniche.

Infine in tutte le sedi è possibile effettuare gratuitamente le vaccinazioni.

Vietnam

In Vietnam le funzioni delle rappresentanze sindacali a livello aziendale (individuate nell’ambito di un Company Trade Union Committee) sono di tutela dei dipendenti, di assistenza ai dipendenti per la comprensione di alcuni aspetti legati alla normativa del lavoro e alle politiche aziendali, oltre che di supporto in termini economici ad alcune iniziative aziendali a favore dei dipendenti.
In particolare il Trade Union Committee attualmente in carica, eletto a febbraio 2014 e costituito da 15 membri che dureranno in carica 5 anni, si è distinto nel corso del 2015 per aver sponsorizzato e sostenuto insieme all’Azienda una serie di eventi finalizzati a migliorare il clima motivazionale dei dipendenti. Riportiamo di seguito i principali eventi, in continuità con quelli organizzati nel corso dell’anno precedente:

  • “Nutrition Day” per i figli dei dipendenti: nel mese di giugno, medici specializzati in pediatria sono stati a disposizione dei dipendenti per fornire consigli sull’alimentazione e sullo stato di salute dei propri figli. All’evento, della durata di mezza giornata, hanno partecipato circa 200 bambini, soprattutto figli di operai. In particolare i bambini, intrattenuti con giochi, animazione e piccoli regali, sono stati visitati da 20 “National Nutrition Doctor”;
  •  “Piaggio Vietnam Summer Vacation” della durata di 3 giorni nel mese di agosto, durante i quali i dipendenti con le famiglie hanno ricevuto un contributo per trascorrere 3 giorni di ferie presso una località individuata da Azienda e sindacato;
  • in occasione dell’ International Women Day (Marzo), è stato organizzato l’ “Excellent Female Trade Union Member” finalizzato a premiare 10 dipendenti donne che si sono particolarmente distinte nel corso dell’ultimo anno per i risultati raggiunti, il commitment ed il rispetto delle policy e procedure aziendali.

Da segnalare che nel corso del 2015 non si sono registrati casi di sciopero.

India

In India i sindacati sono strutturati su due livelli, un livello aziendale ed un altro territoriale/di area; tale struttura si replica anche nella consociata indiana ove il sistema sindacale fa riferimento ad un comitato sindacale aziendale composto dai rappresentanti dei lavoratori di Piaggio e ad un comitato centrale del sindacato, che di fatto è il livello gerarchico più alto, i cui membri sono decisi dal sindacato. Attualmente il comitato sindacale aziendale (nominato a dicembre 2015 e con durata in carica annuale) è composto da 8 membri.

Nella consociata indiana è presente un contratto aziendale collettivo, sottoscritto a luglio 2013 e di durata quadriennale.

Nel 2015 le principali attività in ambito relazioni industriali si sono concentrate su:

  • mantenimento e raggiungimento dei livelli di produttività degli Operai come stabilito nell’accordo di luglio 2013. Come previsto dall’accordo, si sono stabiliti dei livelli di manodopera in funzione di indicatori di produttività collegati ai vari livelli di produzione;
  • implementazione del modello di manodopera temporanea flessibile. La presenza di Operai a tempo determinato è collegata ai volumi produttivi secondo ratio prestabilite;
  • mantenimento e miglioramento di un rapporto positivo e collaborativo con lavoratori e sindacati;
  • garanzia del pieno rispetto della normativa in materia giuslavoristica anche in virtù delle nuove normative governative (ad esempio in materia di Provident Fund Act, Minimum Wages Act, Apprentice Act, etc.);
  • coinvolgimento dei lavoratori per migliorare il clima aziendale e dunque la motivazione degli stessi dipendenti. In linea con questo approccio Piaggio ha svolto numerose attività di coinvolgimento dei propri dipendenti, tra cui ricordiamo pic-nic in famiglia, competizioni sportive, premi per i bambini che si sono particolarmente distinti in ambito scolastico, acquisto di libri per i figli dei dipendenti.

AddToAny

Ultimo aggiornamento: 06/05/2016 11:20