Veicoli Commerciali

2016 2015 Variazione % Variazione
Volumi
Sell in
(unità/ 000)
Fatturato
(milioni di euro)
Volumi
Sell in
(unità/ 000)
Fatturato
(milioni di euro)
Volumi Fatturato Volumi Fatturato
                 
EMEA e Americas 14,7 89,3 12,8 79,8 14,7% 11,9% 1,9 9,5
di cui EMEA 12,4 84,2 11,5 76,7 8,0% 9,8% 0,9 7,5
(di cui Italia) 4,9 48,7 4,2 43,1 16,6% 12,9% 0,7 5,5
di cui America 2,3 5,0 1,4 3,1 70,6% 63,9% 1,0 2,0
India 173,3 307,3 184,3 330,6 -6,0% -7,0% (11,0) (23,3)
TOTALE 188,0 396,6 197,2 410,4 -4,6% -3,4% (9,1) (13,8)
                 
Ape 180,4 301,7 188,7 319,5 -4,4% -5,6% (8,3) (17,8)
Porter 3,2 36,3 2,8 31,8 12,3% 14,3% 0,3 4,5
Quargo 1,1 6,7 0,9 5,3 29,1% 25,6% 0,3 1,4
Mini Truk 3,3 7,4 4,7 11,0 -31,3% -32,9% (1,5) (3,6)
Ricambi e Accessori   44,5   42,7   4,0%   1,7
TOTALE 188,0 396,6 197,2 410,4 -4,6% -3,4% (9,1) (13,8)

 

Always try to avoid bad HTML code when publishing online articles. Make sure you clean the HTML code correctly!

Ricavi veicoli commerciali

Ricavi Veicoli Commerciali

La categoria dei Veicoli Commerciali comprende veicoli a tre e quattro ruote con un peso a terra inferiore a 3,5 tonnellate (categoria N1 in Europa) concepiti per un utilizzo commerciale e privato, con il relativo indotto di ricambi ed accessori.

Commento ai principali risultati

Le vendite di Veicoli Commerciali hanno generato nel corso del 2016 un fatturato pari a circa 396,6 milioni di euro, inclusivi di circa 44,5 milioni di euro relativi a ricambi ed accessori, in flessione del 3,4% rispetto allo scorso anno. Nel corso dell’anno sono state vendute 188.000 unità, in calo del 4,6% rispetto al 2015.

Sul mercato Emea e Americas il Gruppo Piaggio ha commercializzato 14.700 unità, per un fatturato netto totale di circa 89,3 milioni di euro, inclusivo di ricambi ed accessori per 18,4 milioni di euro. La crescita delle vendite del 14,7% è stata sostenuta dal buon andamento del mercato di riferimento.

Sul mercato indiano delle tre ruote le vendite del Gruppo sono passate dalle 158.950 unità del 2015 alle 157.750 unità del 2016, registrando un calo dello 0,8%.

La stessa consociata ha inoltre esportato 18.685 veicoli tre ruote (26.180 nel 2015); la flessione è principalmente legata ad un rallentamento delle vendite in alcuni paesi africani ed è registrata da tutti i principali competitors.

Sul mercato delle 4 ruote, le vendite di Piaggio Vehicles Private Limited sono diminuite nel 2016 del 26,9% rispetto al 2015, chiudendo a 3.681 unità.  

Posizionamento di mercato20

Il Gruppo Piaggio opera in Europa e in India nel mercato dei veicoli commerciali leggeri con un’ offerta di veicoli pensati come soluzioni ad esigenze di mobilità di corto raggio, sia per aree urbane (centri urbani europei), sia extraurbane (con la gamma prodotti indiana).

Il Gruppo distribuisce i propri prodotti principalmente in Italia (che rappresenta il 33,5% dei volumi del Gruppo in Europa nel 2016), ma anche in Germania (13,7%), Francia (1,9%) e Spagna (2,0%). In questi mercati, il Gruppo si presenta come un operatore su un segmento di nicchia (urbano), grazie alla propria gamma di prodotti a basso impatto ambientale.

E’ inoltre presente in India nel mercato delle tre ruote, sia nel sottosegmento veicoli passeggeri che nel sottosegmento cargo.

Oltre al tradizionale mercato indiano delle tre ruote si deve inoltre considerare il mercato del light commercial vehicle (LCV) a quattro ruote destinato al trasporto merci (cargo), in cui Piaggio Vehicles Private Limited è presente con Porter 600 e Porter 1000.

Sul mercato indiano delle tre ruote Piaggio Vehicles Private Limited ha conseguito nel 2016 una quota pari al 28,9% (30,9% nel 2015). Analizzando in dettaglio il mercato, Piaggio Vehicles Private Limited ha mantenuto il suo ruolo di market leader nel segmento trasporto merci (cargo), detenendo una quota di mercato pari al 50,7% (53,9% nel 2015). È rimasta consistente ma in calo l’incidenza nel segmento Passenger, con una quota del 23,6% (25,7% nel 2015). Sul mercato delle 4 ruote, Piaggio Vehicles Private Limited gioca un ruolo marginale con una quota scesa al 3,2% (4,4% nel 2015).

20 I valori delle quote di mercato  sono calcolati sulla base dei volumi di “sell out” ovvero delle vendite fatte dalla rete distributiva all’acquirente finale. I valori delle quote di mercato del 2015 potrebbero differire da quanto pubblicato lo scorso anno per effetto dell’aggiornamento dei dati definitivi delle immatricolazioni che alcune nazioni pubblicano con alcuni mesi di ritardo.

La rete distributiva

Europa e Overseas

Il Gruppo Piaggio ha in Europa una rete commerciale composta da circa 400 dealers, in sostanziale stabilità numerica. Il continuo lavoro di manutenzione volto al miglioramento qualitativo della stessa ha però consentito l’apertura di 12 nuovi dealers in grado di gestire l’intera gamma prodotto, compensando le eliminazioni di alcuni operatori non performanti. Le attività di sviluppo del network hanno interessato oltre che l’Italia, i mercati di Francia, Spagna e Germania.

In particolare per quanto riguarda il mercato domestico la rete di vendita di Piaggio Veicoli Commerciali è composta da 117 dealers operativi, l’80% dei quali distributori esclusivi di veicoli Piaggio. Il resto della rete è costituito da dealer multibrand, prevalentemente auto e veicoli commerciali. I dealers gestiscono a loro volta una rete di 2° livello, composta da circa 500 tra punti vendita e officine autorizzate, con lo scopo di fornire capillarmente un servizio professionale ed in linea con le aspettative del cliente finale.

Nel corso del 2016 è continuato il processo di ricerca delle opportunità commerciali in mercati ad elevato potenziale come l’America Latina, l’Africa e l’Asia portando a servire i mercati di 23 nazioni ed in prospettiva nel corso del 2017 si conta di aggiungerne altri 5 per il Sud America ed altri 3 per l’Africa.

In alcuni di questi Paesi il Gruppo può ora contare su una estesa rete di punti vendita.

India

In India, Piaggio Vehicles Private Limited dispone di 336 dealer.

Investimenti

Gli investimenti sono stati principalmente volti a:

  • sviluppo di nuovi prodotti e face-lifting di prodotti esistenti;
  • miglioramento ed ammodernamento dell’attuale capacità produttiva.

Contemporaneamente, sono proseguiti gli investimenti industriali, volti alla sicurezza, alla qualità ed alla produttività dei processi produttivi.

AddToAny

Ultimo aggiornamento: 19/05/2017 16:13